Forme & elementi: Bordi e curve

News details 3A Composites GmbH

Bordo o curva? Negli ultimi decenni è stata spesso una questione di atteggiamento, e non solo in architettura. La riduzione della cubatura a una scatola angolare e rettangolare è stata considerata minimalista, contemporanea e un understatement discreto e senza tempo. Ma anche la semplice schiettezza e la serietà spesso elitaria e distanziante che ne deriva sono figlie del loro tempo. Altri creativi hanno utilizzato le innovazioni digitali per incanalare la loro fiducia nel futuro in forme audacemente amorfe. Ma la cubatura curva è un segno del futuro solo fino a quando non avrà permeato tutto, divenendo un luogo comune come la scatola angolare. Entrambi gli atteggiamenti hanno un impatto ancora oggi.

Nell'ultimo decennio, il mondo e la società in cui viviamo sono diventati molto più diversi di quanto i bordi e le curve possano formalmente rappresentare. In realtà è sempre stato così, ma la diversità sta diventando più visibile e con essa le necessità complesse, a volte contrastanti, del nostro habitat. I bordi e le curve non possono più essere rappresentanti soli di un tempo o un atteggiamento. Piuttosto, nascono dallo spazio e cambiano con le funzioni, i requisiti, le condizioni e le opportunità. La forma è quindi più un risultato del caso e del servizio, un'istantanea in transizione. Temporaneo, non senza tempo. Naturalmente, ciò va contro l'ego di ogni grande architetto. Ma è una buona notizia quando le forme, i bordi e le curve sono accettati e amati come casualità, nella loro essenza effimera. Così resta più energia per lo spazio intermedio, che deve sempre essere riempito di contenuti e di significato. In architettura, ma anche oltre.

Leggi il numero completo

News details 3A Composites GmbH
Bauhaus, Germany // © Stefan Müller

Ispirazione

Progetti realizzati

Scopri di più